L'austriaco Christian Stangl tenterà il record di salita sul K2

Di GIANCARLO COSTA ,

Cristian-Stangl-in-salita (Foto arch. Stangl)
Cristian-Stangl-in-salita (Foto arch. Stangl)

Chi dice che nell'alpinismo himalayano d'alta quota tutto è già stato fatto e manca la fantasia di provare qualcosa di nuovo, non conosce l'austriaco Christian Stangl. E' sicuramente il prototipo dell'alpinista "piè veloce", uno skyrunner d'alta quota. Ha annunciato ai media internazionali il suo ultimo progetto, quello di salire sul K2 e stabilire il nuovo record di salita, stabilito nel 1986 dal francese Benoit Chamoux, che salì la montagna in 23 ore. Un tentivo lo fece l'anno scorso, ma si dovette fermare a quota 8100 a causa della caduta del seracco, proprio quello che causo le 11 vittime durante la tragica ascensione d'inizio agosto. Se la via non sarà praticabile, tenterà la salita per la via "Wiessner", tentata nel 1939 da Fritz Wiessner e mai realizzata.

Christian Stangl ama definirsi uno skyrunner, ed ha stabilito diversi record di velocità in salita in giro per il mondo, dalle Ande all'Himalaya. Ha realizzato in pochi anni la salita delle Seven Summit con il tempo totale di 58h45', salendo l'Everest in 16h42', il McKinley in 16h45', l'Aconcagua in 4h25', il Kilimajaro in 5h36', l'Elbrus in 5h18' salendo in sci, il Vinson in 9h10' e la Piramide Carstensz in 49'. E' sicuramente l'uomo che ha realizzato la sintesi tra l'alpinismo e lo skyrunning, nonostante le tante polemiche ogni volta che si porta alla ribalta quest'argomento

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti