Nominato il nuovo presidente del Parco Nazionale Val Grande (VCO): è Silvia Marchionini, sindaco di Cossogno.

Di GIANCARLO COSTA ,

Parco Nazionale Val Grande
Parco Nazionale Val Grande

Nella seduta del 21 maggio, la Comunità del Parco Nazionale Val Grande, l'organo assembleare che raggruppa i 13 comuni dell'Ente, la Provincia del Vco, la Regione Piemonte e le 2 Comunità Montane, ha eletto all'unanimità dei 14 presenti (su 17) il sindaco di Cossogno, Silvia Marchionini, alla Presidenza che stante l'immediata eseguibilità ha sostituito il consigliere anziano Alberto Bergamaschi, sindaco di Cursolo Orasso, con le seguenti considerazioni: “Un ringraziamento per la fiducia accordata che spero di meritare nei comportamenti e con senso istituzionale per esercitare il ruolo di Presidenza della Comunità, che è consultivo sugli atti fondamentali e propositivo per corrispondere alle esigenze delle comunità locali e immaginare un futuro, di turismo e attività agro-silvopastorale, al territorio.

Il Parco deve riuscire a dare risposte fin da subito, in un tempo di crisi e di tagli agli enti pubblici dando piena funzionalità alla sua azione (indirizzata dal Presidente in carica Pierleonardo Zaccheo) con la nomina del Consiglio Direttivo, aprendosi a nuovi comuni (vi è la richiesta, che rappresenta senza dubbio un'opportunità, di Verbania da sottoporre ai Sindaci e poi al Ministero dell'Ambiente); "fare squadra" con le altre istituzioni locali (a partire dalla Provincia); per reperire finanziamenti e realizzare concretamente un patto con le popolazioni, le attività produttive presenti per contrastare l'abbandono dei nuclei abitati, dei sentieri, degli alpeggi (soprattutto nella parte del versante verbanese, assai più "povero") che hanno un immenso valore ambientale e storico-culturale.”

Unanime non solo il voto ma anche gli auguri e il sostegno alla nuova Presidente dai membri della Comunità intervenuti, nonché la manifestazione della volontà di operare congiuntamente sulle diverse attività del parco legate alle specificità dei territori e delle comunità.

Il Presidente del Parco, prof. Zaccheo, ha dichiarato: “Con la nomina del presidente nella persona del sindaco della “piccola capitale del Parco”, Cicogna, si dà concretezza al rapporto del Parco con il territorio, tema oggi anche al centro della discussione sulla riforma della Legge Quadro sui parchi (394/91). La Comunità del Parco riparte oggi con grandi temi che devono essere affrontati dalle comunità locali, come le nuove richieste di ingresso di Verbania nel Parco, e probabilmente anche di altri comuni, che devono essere affrontati e condivisi con la massima partecipazione. Allo stesso tempo vanno considerati e valutati i nuovi scenari che possono proiettare il Parco in ambiti più ampi come la Carta Europea del turismo sostenibile e il Geopark. Non ultimo anche il rinnovo della rappresentanza della Comunità del Parco all’interno del Consiglio Direttivo affinché si possa dare piena potenzialità all’organo di governo dell’Ente che vive, come tutti gli enti pubblici la crisi congiunturale e finanziaria che conosciamo”.

Fonte Parco Nazionale Val Grande

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti