Outdoor Shop Test è partito alla grande alla Pietra di Bismantova (RE) | Outdoor Passion

Outdoor Shop Test è partito alla grande alla Pietra di Bismantova (RE)

Di GIANCARLO COSTA ,

Un momento del workshop a cura di Italian Outdoor Group
Un momento del workshop a cura di Italian Outdoor Group

Alla prima edizione del nuovo evento sono stati esposti oltre 50 marchi con le novità SS 2016, a disposizione di 90 retailer in rappresentanza di 60 punti vendita da tutta Italia. Una due giorni intensa e produttiva, in un’atmosfera speciale e apprezzata da tutti i presenti, che ha visto anche la proclamazione dei primi Outdoor Industry Awards. Ora Outdoor Shop Test si candida a diventare il punto di riferimento irrinunciabile per il mercato outdoor italiano.

I numeri dell’evento confermano le notevoli aspettative che l’iniziativa aveva generato: 50 brand presenti nel village e 90 retailer per oltre 100 vetrine da tutta Italia. A loro si sono aggiunti agenti, media, guide alpine e associazioni sportive, per un totale di oltre 250 operatori selezionati che hanno testato sul campo ben 900 prodotti tra le novità SS 2016 (e non solo) messe a disposizione dalle aziende.

L’organizzazione e gli espositori sono stati subito messi alla prova dalle condizioni atmosferiche di lunedì mattina, che hanno fatto emergere il carattere decisamente outdoor dell’evento. In generale il meteo ha dato il suo meglio per un settembre in Appennino, offrendo praticamente tutte le situazioni possibili: pioggia la prima mattinata, poi sole e vento per buona parte del tempo. Quale migliore occasione per testare le performance delle nuove tecnologie?

Aspettando il sole per montare il villaggio test, lunedì mattina le aziende hanno avuto la possibilità di illustrare nuovi prodotti e tecnologie ai negozianti in una sala dedicata. Un “piano B” che a conti fatti si è rivelato molto apprezzato dai retailer, che hanno affollato e seguito con grande attenzione le presentazioni. Nel pomeriggio i test si sono svolti regolarmente, interessando tanto i settori di arrampicata e boulder, quanto i percorsi designati per trail running, trekking e nordic walking.

Alla via ferrata di lunedì pomeriggio (di media-alta difficoltà) hanno partecipato il Sindaco di Castelnovo Né Monti, la stampa e alcuni dei più importanti negozi italiani, condotti dalle Guide della Pietra con la partecipazione straordinaria di Piergiorgio Vidi, istruttore nazionale delle Guide Alpine e presente all’evento anche come testimonial di Dolomite. Sono stati così provati i nuovi prodotti dedicati alla ferrata, dalla testa ai piedi: caschi, abbigliamento tecnico, imbrachi, kit completi, calze e calzature, tutti forniti dagli espositori di Outdoor Shop Test.

Il pomeriggio si è concluso con la presentazione dei dati di mercato esclusivi a cura di Italian Outdoor Group, seguiti dalle attesissime premiazioni dei primi Outdoor Industry Awards, i premi alle aziende per le migliori iniziative sul fronte marketing, commerciale, innovazione e charity, assegnati con i voti dei retailer. Gli Awards hanno visto anche la prestigiosa partecipazione di Fausto De Stefani, celebre alpinista italiano e promotore del progetto in Nepal della Fondazione Senza Frontiere ONLUS, supportato anche da Montura. Toccante la sua testimonianza delle condizioni nelle quali tuttora si trova il popolo nepalese. L’emozione si è poi riversata nella convivialità, con l’aperitivo tradizionale by Polartec e la cena tipica.

Il martedì ha assistito alla naturale prosecuzione dei test, affrontando da veri amanti dell’outdoor anche il vento freddo poco settembrino, in realtà ideale per attività ad alta intensità. Anche dopo questo secondo giorno di test e confronto con le aziende, sono stati entusiastici i feedback di negozianti e operatori. Da segnalare inoltre la partecipazione di molte aziende non espositrici, venute a monitorare l’evento per valutare una futura adesione nel 2016.

"Outdoor Shop Test è nato anche per rispondere ad un esigenza che abbiamo avvertito nel mercato outdoor italiano nel suo complesso", afferma Benedetto Sironi, direttore editoriale di Outdoor Magazine e degli altri media del gruppo Sport Press. "Era a dir poco paradossale che non esistesse un appuntamento con questo format nel nostro paese. Considerando anche che alla più importante fiera europea dell'outdoor i retailer italiani sono apparsi in forte calo. Ora questo evento esiste, ha grandi potenzialità di crescita e mira a diventare un punto di riferimento irrinunciabile per tutti gli operatori del settore”. 

“Outdoor Shop Test fa parte di un progetto più ampio denominato Pro Shop Test, intrapreso con successo 6 anni fa nel mondo neve e poi esteso anche al bike e ora all’outdoor” spiega Marco Sampaoli titolare dell'agenzia di comunicazione ed eventi MOON, “In particolare la splendida location della Pietra di Bismantova si è rivelata ideale per un evento di questo genere, che ha permesso finalmente non solo di vedere e toccare i prodotti ma di provarli direttamente sul campo. Questo valore aggiunto, insieme ad altri aspetti quali formazione, workshop e altri servizi, saranno ulteriormente implementati per il 2016”.

Fonte Agnese Facchini - Moon

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti