Si è spento Riccardo Cassin, 100 anni di storia dell'alpinismo

Di GIANCARLO COSTA ,

Riccardo-Cassin.jpg
Riccardo-Cassin.jpg

E' morto questa notte il leggendario alpinista Riccardo Cassin, che da poco aveva compiuto 100 anni. Di 100 di vita e d'imprese che hanno fatto la storia dell'alpinismo. Anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha voluto esprimere il suo cordoglio per la scomparsa di Cassin.

Oltre 100 prime assolute, medaglia d'oro al valore atletico, Cavaliere della Repubblica, decorato con la croce al valore militare. Era uno dei Ragni di Lecco, friulano di nascita ma lecchese d'azione, e la Grigna fu la sua prima palestra d'alpinismo, e la sua casa, visto che abitava a Piani Resinelli.

Fu un rivoluzionario del mondo dell'alpinismo degli anni '30, un mondo aristocratico fino ad allora, fino al suo arrivo, nella veste di alpinista-operaio, di chi lavorava duramente per 8 ore e poi correva a scalare le montagne, con la sua tecnica veloce e sicura.

Risolse grandi "problemi alpinistici" dell'epoca la parete sud-est della Piccolissima di Lavaredo, lo spigolo sud-est della Torre Trieste, la parete nord della Cima Ovest di Lavaredo, la parete nord-est del Pizzo Badile, lo sperone Walker della parete nord delle Grandes Jorasses.

Fu escluso, tra le polemiche, dalla spedizione nazionale al K2, forse perchè il capo spedizione Ardito Desio aveva timore della sua forte personalità, nel 1958 fu capo spedizione della salita Gasherbrum IV di Walter Bonatti e Carlo Mauri.

Nel 1967, Riccardo Cassin conquista il Mckinley in Alaska, e da il nome alla difficile via che porta il suo nome, conquistando una fama mondiale anche oltre oceano.

Fu capo spedizione al Lhotse, con Reinhold Messner. Scalò ancora a 78 anni, per ripetere la salita al Pizzo Badile, fatta 50 anni prima.

Un secolo di storia dell'alpinismo se n'è andato, riuscendo nell'impresa più grande per gli alpinisti: raccontare da vecchi la propria vita sulle montagne: giù il cappello!

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti