La connettività delle Alpi è buona. Dopo tre anni di ricerca e azioni sul campo si chiude il progetto europeo ECONNECT

Di GIANCARLO COSTA ,

Alpi-Marittime.jpg
Alpi-Marittime.jpg

Si è svolto, a Berchtesgaden, in Germania il convegno di chiusura del progetto ECONNECT che ha visto riuniti rappresentanti politici dei sei paesi alpini coinvolti, esperti e ricercatori scientifici e istituzioni a livello locale e internazionale. In occasione dell’evento sono stati presentati a un’ampia platea i risultati del progetto che, tra i primi, ha trattato il tema della connettività alpina con un approccio integrato e multidisciplinare.

La conferenza finale ha visto dibattiti e proposte di grande interesse per la protezione, il miglioramento e lo sviluppo dei corridoi ecologici lungo l’arco alpino. “Il risultato più importante e, per certi versi, sorprendente, è che la connettività delle Alpi è buona”, ha dichiarato Chris Walzer, capofila di ECONNECT, che continua: “Proprio per questo la guardia non va abbassata. I collegamenti tra gli habitat alpini vanno preservati e mantenuti sia attraverso una saggia e lungimirante gestione del territorio, sia tramite strumenti specifici”. Tra questi strumenti, i ricercatori di Econnect ne hanno sviluppato uno altamente innovativo, la piattaforma JECAMI, un sistema di mappatura di barriere e corridoi ecologici che permette di vedere sullo schermo i percorsi seguiti dalle specie per poterli proteggere e considerare durante il processo di pianificazione territoriale.

Tra i risultati più tangibili ci sono anche le azioni concrete messe in pratica nelle sette regioni pilota del progetto. ECONNECT ha dato un aiuto concreto per la protezione dei corridoi ecologici in queste regioni, come dimostra quanto avvenuto nel Parco Naturale delle Alpi Marittime. Oltre a implementare un sistema di visualizzazione dei cavi di skilift e funivie, gli studi effettuati dal personale del Parco hanno permesso di allertare le autorità pubbliche coinvolte per rimuovere dal piano regolatore un intervento su un territorio individuato da ECONNECT come corridoio per la migrazione della fauna.

Dal progetto ECONNECT è anche emerso che forse le barriere più profonde che devono essere colmate per raggiungere un’efficace collaborazione internazionale per la protezione degli ecosistemi alpini sono quelle culturali. ECONNECT ha rappresentato un’importante opportunità per confrontarsi su questi temi da una prospettiva più ampia, e ha messo a punto infine alcune linee guida per superarle. Tra queste, condividere i dati ambientali a livello europeo per facilitare la ricerca è quella più banale, ma allo stesso tempo la più importante e la meno osservata. La condivisione dei dati ambientali a livello panalpino è condizione necessaria per un’efficace collaborazione tra paesi che abbia come fine la protezione della biodiversità e, di conseguenza, del nostro futuro.

UNA SETTIMANA A LA MANDRIA

Appuntamenti al Parco dal 26 al 30 ottobre 2011

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_mandria_24102011.htm

UNA NUOVA MOSTRA AL MUSEO REGIONALE DI SCIENZE NATURALI

Dal 28 ottobre al 23 novembre una rassegna celebra,in modo divertente, l'Unità d'Italia per immagini

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_mrsn_24102011.htm

LUPUS IN FABULA AL PARCO GRAN PARADISO

C'e' ancora un po' di tempo per partecipare al concorso letterario sul lupo

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_lupus_granpa_18102011.htm

HALLOWEEN FESTEGGIATO IN MODO ORIGINALE AL PARCO DELLE LAME DEL SESIA

Lunedi' 31 ottobre merenda sinoira a base di zucca e prodotti del territorio

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_lame_24102011.htm

PARCO DEL PO CUNEESE, UN CONCORSO LETTERARIO PER LE SCUOLE

Il bosco protagonista di racconti, fotografie e disegni realizzati dai ragazzi

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_pocn_24102011.htm

PARCO ORSIERA, CON GLI ASINI TRA NATURA E STORIA

Domenica 30 e lunedi' 31 ottobre 2011 un'escursione fra le Certose della Val di Susa

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_orsiera_10102011.htm

LA HIT PARADE DEI PARCHI ON LINE

Ecco la classifica dei siti internet di Parchi nazionali, regionali e Aree Marine Protette

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_classificaSiti.htm

FOLIAGE 2011: I COLORI DELL'AUTUNNO NEL BIELLESE

Iniziativa delle Aree Protette della Bessa, Baraggia, Brich di Zumaglia, Burcina, Sacro Monte di Oropa e Oasi Zegna, organizzata dall'Oasi WWF del Giardino Botanico di Oropa

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/parchiPiemonte/p_foliage_27092011.htm

PARCHI ALTROVE

HALLOWEEN AL PARCO DELL'ANTOLA

Lunedi' 31 ottobre apertura straordinaria del castello della Pietra di Vobbia

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/altriparchi/ap_antola_24102011.htm

CORSI E CONCORSI

BANDO REGIONALE PER EDIFICI AD ENERGIA QUASI ZERO

Approvati criteri e modalità per la concessione di contributi

http://www.regione.piemonte.it/parchi/ppweb/news/corsiconcorsi/c_edifici_24102011.htm

Fonte PIEMONTE PARCHI

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti