Alpinismo

In cordata con Hervè Barmasse

Di Giancarlo Costa

In cordata con Herve Barmasse (foto omnia)

Avere Hervé Barmasse come guida per l’ascesa al Breithorn occidentale è un po’ come poter palleggiare a Wimbledon con Federer o salire in moto con Valentino Rossi ad Assen. A salire con lui, domenica scorsa, dal Plateau Rosa (3.500 m) fino ai 4.162 m della vetta, sono stati alcuni giornalisti, selezionati per le loro adeguate capacità escursionistiche in quota in quella che si può definire la “puntata zero” di un progetto fortemente voluto dallo stesso 39enne atleta ...

Continua a leggere

Val Bregaglia in festa per i 150 anni della prima salita sul Pizzo Badile

Di Giancarlo Costa

Sciore Cengalo Badile (foto turismo Engadina)

Nell’estate di 150 anni fa, esattamente il 27 luglio 1867, William Auguste Coolidge insieme a François ed Henry Dévouassoud scalò per la prima volta il Pizzo Badile (3.308 metri), una delle montagne più simboliche delle Alpi Centrali, al confine tra l’Italia e la Svizzera. Per celebrare questa importante ricorrenza in Val Bregaglia, sul versante svizzero, per tutta l’estate verranno organizzate escursioni guidate attorno e sulla vetta. Dal 14 al 16 luglio invece a Bondo e Promontogno ...

Continua a leggere

Cattedrali di ghiaccio a Courmayeur: l’Himalaya negli scatti vintage di Vittorio Sella

Di Giancarlo Costa

Himalaya negli scatti di Vittorio Sella

Un viaggio estremo ai piedi del K2 raccontato da uno dei più grandi fotografi di montagna di tutti i tempi. Le immagini scattate nel 1909 da Vittorio Sella sono in mostra da luglio a settembre al Museo Alpino di Courmayeur, intitolato proprio al capo della spedizione, il Duca degli Abruzzi. Il museo ospita inoltre reperti originali delle grandi esplorazioni condotte dal Duca insieme alle Guide di Courmayeur.
La storia della fotografia incontra l’epica delle grandi esplorazioni di inizio ‘900 ...

Continua a leggere

Traversata Colle Galisia 1944, fumetto vince premio nazionale sulla Resistenza

Di Emanuele Zangarini

Una scena tratta dal fumetto. Per gentile concessione di Corrado Bianchetti.

Il premio Accendi la Resistenza è diventato il 5 giugno scorso l'occasione per ricordare la traversata del Colle della Galisia del novembre 1944. La traversata costò la vita a quasi tutti i partigiani alpini che cercarono di varcare il confine con la Francia a pochi chilometri da Ceresole Reale.

A ricordare l'avvenimento Corrado Bianchetti che con il fumetto Chiama ancora si è aggiudicato il premio Resistenza.Gulp della competizione Under 35 per "l'intreccio fra ricerca storica ...

Continua a leggere

Tre alpinisti morti sulla Becca di Monciair in Valle d’Aosta

Di Giancarlo Costa

Becca di Monciair parete nord

Incidente mortale oggi sulle montagne della Valle d’Aosta. Secondo fonti Ansa, l’incidente è avvenuto sulla Becca di Monciair, in Valsavarenche, a circa 3000 metri di quota sulla parete nord, poco sotto la vetta. L'allarme è stato dato dal rifugio Vittorio Emanuele: qualcuno ha visto i segni della caduta sul nevaio e ha chiamato i soccorsi.

Due delle vittime sono di nazionalità olandese, mentre il terzo alpinista deceduto è la Guida Alpina Alessandro Bosio, del collegio guide ...

Continua a leggere

Giovedì 15 giugno DF Sport Specialist - Bevera di Sirtori: A tu per tu con i grandi dello sport presenta Storie di Alpinismo

Di Giancarlo Costa

DF Sport Specialist Storie di alpinismo

Siamo alla serata numero 170 del ciclo “A tu per tu con i grandi dello sport” organizzata da da DF Sport Specialist: “Storie di alpinismo” è il tema dell’evento, condotto dal giornalista e scrittore Giorgio Spreafico, che condurrà in un viaggio in una delle più straordinarie stagioni dell’alpinismo lecchese e italiano.

Alcuni dei protagonisti dell’epoca d’oro dell’alpinismo, tra la fine degli anni ’50 e i primi anni ’70, saranno protagonisti della serata: Giuseppe “Det ...

Continua a leggere

Kilian di nuovo sull’Everest in 17 ore

Di Giancarlo Costa

Kilian all'Everest (fot Summits of my Life)

Continua la spedizione himalayana dello spagnolo Kilian Jornet alla ricerca dei propri limiti. Dopo aver salito una prima volta l’Everest dal Campo Base di Rombuk (quota 5100m) in 26 ore, dopo solo 6 giorni ci ha riprovato, questa volta dal Campo Base Avanzato (quota 6500m), salendo in vetta in sole 17 ore. Forse non sarà un record, visto che Hans Kammerlander e l’austriaco Christian Stangl sono accreditati di un tempo inferiore di circa un quarto d’ora, ma ...

Continua a leggere

Hervè Barmasse e il tedesco Gottler scalano la parete sud dello Shisha Pangma

Di Giancarlo Costa

Herv Barmasse Shisha Pangma parete sud (4)

Al primo tentativo, Hervè Barmasse ha salito in poche ore la Parete Sud della 14esima montagna più alta del mondo. Come annunciato alla partenza dal 39enne scalatore valdostano, che ha avuto come compagno di scalata il tedesco David Goettler, in sole 13 ore e in stile alpino (senza corde fisse e campi pre-allestiti) ha scalato i 2.200 metri della difficile Parete Sud dello Shisha Pangma (8.027).
Partiti domenica mattina da quota 5850 metri, i due sono arrivati a ...

Continua a leggere

Kilian Jornet in cima all’Everest

Di Giancarlo Costa

Autoscatto di Kilian all'Everest (foto carreraspormontana)

Lo spagnolo Kilian Jornet, l’asso dello skyrunning e dello scialpinimo, realizza il suo sogno salendo in cima all’Everest a 8848 metri di quota, culmine del suo ardito progetto Summit of my Life, senza l’ausilio di ossigeno artificiale.

Secondo quanto riportato dal sito spagnolo “Carreras por Montana”, Kilian era partito il 20 alle 22, ora locale, dal monastero di Rongbuk a quota 5100 metri, per poi salire lungo la via normale del versante tibetano. Kilian è giunto ...

Continua a leggere

Nives Meroi e Romano Benet in vetta all’Annapurna, il loro 14° ottomila in coppia

Di Giancarlo Costa

Nives Meroi e Romano Benet (foto desnivel.com)

La coppia di alpinisti friulani Nives Meroi e Romano Benet hanno salito la vetta dell'Annapurna, montagna himalayana di 8091 metri, ieri giovedì 11 maggio. Un’impresa storica la loro, non solo perché salire l’Annapurna come tutti altri 13 ottomila precedentemente saliti, sempre in stile alpino, senza ossigeno artificiale e senza portatori d’alta quota, è di per se un’impresa alpinistica fuori dal normale, riuscita a una trentina di alpinisti cui cui la metà senza usare ossigeno artificiale ...

Continua a leggere